diumenge, 29 de desembre de 2013

VERSIONS DE MIQUEL ÀNGEL VII, Rima 259, per Àngel Carbonell

Ben può talor col mie 'rdente desio
salir la speme e non esser fallace,
ché s'ogni nostro affetto al ciel dispiace,
a che fin fatto arebbe il mondo Iddio?

Qual più giusta cagion dell'amart'io
è, che dar gloria a quella etterna pace
onde pende il divin che di te piace,
e c'ogni cor gentil fa casto e pio?

Fallace speme ha sol l'amor che muore
con la beltà, c'ogni momento scema,
ond'è suggetta al variar d'un bel viso.

Dolce è ben quella in un pudico core,
che per cangiar di scorza o d'ora strema
non manca, e qui caparra il paradiso.

divendres, 27 de desembre de 2013

VERSIONS DE MIQUEL ÀNGEL VI, Rima 95, per Àngel Carbonell



Rendete agli occhi mei, o fonte o fiume,
l'onde della non vostra e salda vena,
che più v'innalza e cresce, e con più lena
che non è 'l vostro natural costume.

E tu, folt'aïr, che 'l celeste lume
tempri a' trist'occhi, de' sospir mie piena,
rendigli al cor mie lasso e rasserena
tua scura faccia al mie visivo acume.

Renda la terra i passi alle mie piante,
c'ancor l'erba germugli che gli è tolta,
e 'l suono ecco, già sorda a' mie lamenti;

gli sguardi agli occhi mie tuo luce sante,
ch'i' possa altra bellezza un'altra volta
amar, po' che di me non ti contenti.

dijous, 26 de desembre de 2013

VERSIONS DE MIQUEL ÀNGEL V, Rima 94, per Àngel Carbonell













D'altrui pietoso e sol di sé spietato
nasce un vil bruto, che con pena e doglia
l'altrui man veste e la suo scorza spoglia
e sol per morte si può dir ben nato.

Così volesse al mie signor mie fato
vestir suo viva di mie morta spoglia,
che, come serpe al sasso si discoglia,
pur per morte potria cangiar mie stato.

O fussi sol la mie l'irsuta pelle
che, del suo pel contesta, fa tal gonna
che con ventura stringe sì bel seno,

ch'i' l'are' pure il giorno; o le pianelle
che fanno a quel di lor basa e colonna,
ch'i' pur ne porterei du' oncie almeno.

diumenge, 22 de desembre de 2013

VERSIONS DE MIQUEL ÀNGEL IV, Rima 92, per Àngel Carbonell
















Quantunche 'l tempo ne costringa e sproni
ognor con maggior guerra
a rendere alla terra
le membra afflitte, stanche e pellegrine,
non ha però 'ncor fine
chi l'alma attrista e me fa così lieto.
Né par che me'n perdoni
a chi 'l cor m'apre e serra,
nell'ore più vicine
e più dubiose d'altro viver quieto;
ché l'error consueto,
com' più m'attempo, ognor più si fa forte.
O dura mia più c'altra crudel sorte,
tardi orama' puo' tormi tanti affanni;
c'un cor che arde e arso è già molt'anni
torna, se ben l'ammorza la ragione,
non più già cor, ma cenere e carbone.


dimecres, 18 de desembre de 2013

VERSIONS DE MIQUEL ÀNGEL III, Rima 90, per Àngel Carbonell

















I' mi son caro assai più ch'i' non soglio;
poi ch'i' t'ebbi nel cor più di me vaglio,
come pietra c'aggiuntovi l'intaglio
è di più pregio che'l suo primo scoglio.

O come scritta o pinta carta o foglio
più si riguarda d'ogni straccio o taglio,
tal di me fo, da po' ch'i' fu' bersaglio
segnato dal tuo viso, e non mi doglio.

Sicur con tale stampa in ogni loco
vo, come quel c'ha incanti o arme seco,
c'ogni periglio gli fan venir meno.

I' vaglio contr'a l'acqua e contr'al foco,
col segno tuo rallumino ogni cieco,
e col mie sputo sano ogni veleno.

dimarts, 17 de desembre de 2013

VERSIONS DE MIQUEL ÀNGEL II, Rima 89, per Àngel Carbonell


Veggio co' be' vostr'occhi un dolce lume
che co' mie ciechi già veder non posso;
porto co' vostri piedi un pondo adosso,
che de' mie zoppi non è già costume.

Volo con le vostr'ale senza piume;
col vostro ingegno al ciel sempre son mosso;
dal vostro arbitrio son pallido e rosso,
freddo al sol, caldo alle più fredde brume.

Nel voler vostro è sol la voglia mia,
i miei pensier nel vostro cor si fanno,
nel vostro fiato son le mie parole.

Come luna da sé sol par ch'io sia,
ché gli occhi nostri in ciel veder non sanno
se non quel tanto che n'accende il sole.


dijous, 12 de desembre de 2013

VERSIONS DE MIQUEL ÀNGEL I, Rima 58, per Àngel Carbonell

Fa poc més de deu anys vaig llegir les rimes del polifacètic Miquel Àngel, gran escultor, gran pintor, gran arquitecte i també gran poeta. I així com les seves obres artístiques en general són el reflex d'una concepció de l'art extremadament exigent, que cercava l'excel·lència sense la més mínima complaença, també la seva poesia havia de ser, no podia ser d'una altra manera en el seu cas, no un simple divertiment sinó un treball molt exigent, dur i tempestuós per a expressar les seves inquietuds. Arran de la lectura en vaig triar un petit nombre, els que més em van agradar llavors, i els vaig traduir, sense preocupar-me gaire de metres o rimes, però mirant de mantenir una cadència.

....................................................................................................

Gairebé tres anys després, agost de 2016, havent decidit augmentar el nombre de versions, m'he sentit en l'obligació de fer un repàs més exigent a la versió de la rima que ocupa aquest post, la 58, aquest cop havent-me preocupat força  més del metre, com també en les noves versions que aniré publicant.

dimarts, 10 de desembre de 2013

VERSIONS DE PETRARCA (SONET III)

El 6 d'abril de 1327, divendres sant, Petrarca va rebre aquest cop d'Amor, com un cop de vent, i es va enamorar de Laura. Aquí va començar tot.